Web & Multimedia
1/3/2001

L'EMOZIONE DI NAPSTER... ELEVATA AL CUBO!

non sempre i sogni muoiono all'alba...
(G.G.) Chi non ricorda la sua prima sera d'inverno alle prese con il capostipite del file sharing? Fuori ai vetri della finestra vento, pioggia e freddo; nella stanzetta del computer la pallida luminescenza di un monitor, e un'altra finestra, piccola e virtuale, ma spalancata sugli abissi di un intero nuovo Universo. Il mouse che si muove guardingo per raggiungere due indimenticabili campi per la ricerca, Artist e Song. E poi i primi brividi di autentica eccitazione, "non può essere..", un attimo di incredula esitazione prima che la febbre salga prepotente, "vediamo se ci sono anche i La's", e dopo pochi minuti le note di There she goes che ammantano con magia la cameretta.

Parte il tam-tam furioso. Subito una decina di mail sgrammaticate per avvisare gli amici più cari, le istruzioni per l'uso... e un pensiero lucido e pazzesco allo stesso tempo: "è finita..". In pochi minuti eravamo già incastrati nel tunnel di una droga così futuristica da non essere mai stata prefigurata neanche dalla fantascienza più speculativa. Napster si mischiava al nostro sangue, ottundeva le meningi, occupava di prepotenza gran parte dei processi mentali, corrodeva l'anima e poi la elevava al massimo livello di beatitudine.

Quanto pare lontana adesso quell'epoca. Le denuncie delle straricche major, i processi, le "crociate" dei miliardari a tutela del LORO diritto d'autore, una query senza risposta, poi un'altra, e la favola che piano piano sbiadisce. Oggi Napster non c'è più. Tornerà presto, ma sarà una versione predigerita e addomesticata al potere, un servizio a pagamento controllato da una delle major che l'aveva violentemente accusato. Ma c'è una cosa che è sopravvissuta, oltre all'indimenticabile ricordo ben nascosto nel fondo del cuore, al riparo perfino dalle ingiunzioni dei giudici distrettuali, e questa cosa è l'IDEA. Che è stata subito ripresa, perfezionata, affinata.

No, che non è finita. La società olandese FastTrack ha colto l'essenza di quell'idea e l'ha elevata all'ennesima potenza. Se il trip di Napster ci aveva sconvolto, sarà meglio sapere che con il nuovo Peer-To-Peer ci giochiamo tutto, fino all'integrità molecolare dei nostri neuroni. L'Universo, quell'Universo su cui si spalancò la finestra virtuale di Napster, non è infinito, come pensarono anni e anni fa alcuni matematici fra i più audaci. C'è qualcosa che va oltre, oltre una manciata di mp3, oltre lo scibile umano in fatto di musica, qualcosa che abbatte le frontiere di qualsiasi divisione razionale ed irrazionale, e rende raggiungibile quello che neanche pensavamo potesse essere considerato "destinazione".

Scaricare Morpheus, installarlo, eseguire il programma e allacciare tutte le possibili cinture. Interi film, telefilm, anime, software, pdf e .doc, avi ed mpeg, e ancora ed ancora documenti di ogni genere. C'è di tutto e anche di più, c'è "l'oltre". Non ci resta che provare a fare meglio della fantascienza che fallì. Ma prima uno sguardo alla colonnina del download, al numero di utenti da cui stiamo scaricando in multisessione, al bitrate di trasferimento... Il prossimo passo è il mind sharing.


DIRECTORY CORRELATE
Tempo libero \ Musica \ Mp3 \ Mp3 Download
il modo più rapido per trovare e scaricare mp3? I software di condivisione file!

LINK UTILI
www.musiccity.com
la "casa" di Morpheus